Nessuna sanzione per l’integrativa a favore del contribuente

L’Agenzia delle Entrate, nel corso del Videoforum organizzato da ItaliaOggi lo scorso mese di gennaio, si è espressa in senso favorevole al contribuente a proposito della sanzione da applicare nel caso di presentazione di una dichiarazione integrativa a favore del contribuente.

Nel caso in esame vi è sempre stato il dubbio di dover pagare la sanzione da € 250 ridotta, da dichiarazione inesatta ex art. 8 del D.Lgs. n. 471/1997. Per cui se la dichiarazione integrativa veniva presentata entro il termine di quella dell’anno successivo, si riteneva fosse necessario pagare € 31,25 (cioè € 250/8), applicando la lettera b) dell’art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997. Il tutto nonostante il contribuente non stesse di fatto effettuando alcun ravvedimento giacché si trattava di integrativa a favore dello stesso.

Alla base del ragionamento di chi sosteneva la tesi dell’obbligo di versamento della sanzione, c’era la convizione che tale fattispecie avesse a che fare con una dichiarazione originaria che conteneva dati errati che finivano per incidere sull’attività di controllo.

Con la risposta n. 9 resa al citato Videoforum, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che “si conferma che la presentazione della dichiarazione integrativa a favore del contribuente non è soggetta ad alcuna sanzione”. Non si può che essere d’accordo con l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate considerando che nella situazione in commento il contribuente ha sostanzialmente commesso un errore che è andato a suo danno perché, ad esempio, ha pagato più imposte.

Per cui, in conclusione, si può affermare che la dichiarazione inesatta è prevista per casistiche che riguardano irregolarità ma non così gravi da comportare un’evasione di imposta (perché altrimenti sarebbe applicabile la più grave sanzione proporzionale per dichiarazione infedele). Si può pensare ad esempio alla dichiarazione da cui emerge una minore perdita o alla dichiarazione da cui emerge un maggior credito d’imposta non utilizzato in compensazione.

    

Lascia un commento

È consentita la riproduzione solo parziale dei contenuti del sito con l'obbligo di indicare la fonte (Dott. Mauro Michelini) e l'URL esteso.
Copyright © Dott. Mauro Michelini - P.IVA 04255540280
Cookie Policy